Giustificazioni

Dall’anno scolastico 2015-2016, nell’ambito dell’estensione del progetto di comunicazione scuola-famiglia, le giustificazioni per i ritardi e le assenze degli alunni dovranno essere trasmesse alla scuola mediante il Registro Elettronico.

È quindi necessario che almeno uno dei due genitori disponga delle credenziali di autenticazione – account e password – già fornite dalla scuola (i genitori degli alunni delle classi prime le riceveranno entro pochi giorni).

Al momento attuale, in via temporanea, l’applicativo non distingue fra alunni maggiorenni e minorenni; i genitori possono eventualmente condividere le credenziali con il proprio figlio maggiorenne, autorizzandolo a giustificare personalmente.

La procedura per giustificare è semplicissima:

  1. Accedere al servizio.
  2. Autenticarsi con nome utente e password del genitore (attenzione: l’accesso come studente non dà la possibilità di giustificare).
  3. Nella barra degli strumenti a sinistra, premere l’icona ASSENZE:
  4. Nella finestra che appare saranno visualizzati assenze, ritardi e uscite anticipate dell’alunno. Quelli contrassegnati con l’icona sono da giustificare. Premere il tasto a sinistra GIUSTIFICA.
  5. Selezionare le voci interessate, quindi premere CONFERMA:

N.B.: assenze, ritardi e uscita vanno giustificati distintamente, ripetendo la sola procedura descritta al punto 5; non è necessario inserire motivazioni generiche (“familiare” o “personale” o “di salute”), che comunque non saranno in genere visualizzate dal docente.

Precisazioni

  1. La giustificazione è richiesta per le assenze, per gli ingressi in seconda e terza ora e per le uscite anticipate.
  2. A norma del Regolamento d’Istituto e del Regolamento Disciplinare, l’assenza non giustificata entro tre giorni a decorrere dal rientro in classe, ovvero l’ingresso in ritardo non giustificato entro i tre giorni successivi, possono dare luogo ad annotazione disciplinare.
  3. In generale, il numero degli ingressi in ritardo, degli ingressi in seconda ora e delle uscite anticipate non motivate costituiscono criterio di valutazione del comportamento dell’alunno.
  4. Gli alunni possono consegnare, a qualsiasi docente che abbia svolto lezione in classe il giorno dell’assenza, un documento giustificativo dell’assenza in classe (ad esempio, di una visita medica, della partecipazione ad attività esterne ecc.); il docente registrerà la nota “assenza documentata” (o “ingresso in 2a ora documentato”, o “uscita documentata”).

Responsabilità

Si ricorda che l’utilizzo della funzione “Giustificazioni on-line” da parte di soggetti non autorizzati, diversi dai genitori dell’alunno e all’insaputa degli stessi, oltre a costituire violazione delle norme sulla privacy, può configurare il reato di frode contro l’amministrazione e costituisce delitto contro la fede pubblica (art. 491-bis del Codice Penale, Titolo VII). In generale, i genitori sono ovviamente tenuti alla responsabile vigilanza sui comportamenti e sulla presenza dei propri figli a scuola, anche attraverso l’utilizzo e la corretta gestione di questo servizio.